L’Open Access è una modalità di pubblicazione del materiale prodotto dalla ricerca che ne consente accesso libero e senza restrizioni. L’espressione indica, in senso più ampio, il movimento nato all’interno del mondo accademico allo scopo di sostenere e promuovere la strategia ad accesso aperto. L’Università degli Studi di Brescia persegue i principi dell’Open Access in conformità con quanto previsto dalla Dichiarazione di Berlino del 2003 (come recitano l’art. 2 dello Statuto di Autonomia e l’art. 4 del Codice Etico dell’Ateneo).

Come realizzare l’Open Access

L’open access si realizza attraverso due vie:

  • La “green road (o “via verde”), ovvero l’auto-archiviazione dei propri lavori in archivi istituzionali ad accesso aperto (come ad esempio OPENBS), che prevede l’inserimento dei metadati delle pubblicazioni accompagnati, qualora l’editore lo consenta, dal PDF dei lavori nella versione pre-print (bozza dell’articolo inviata alla rivista) o post-print (versione dell’articolo già referata ma senza formattazione editoriale) oppure il PDF editoriale (la versione finale con l’impaginazione dell’editore). E’ la via più immediata ed è a costo zero.
  • La “gold road(o “via aurea”), ovvero la pubblicazione di contributi scientifici su riviste ad accesso aperto, che garantiscono la peer review degli articoli, il mantenimento dei diritti di copyright agli autori e sono consultabili in rete liberamente. Nella maggior parte dei casi tali riviste prevedono il pagamento di costi aggiuntivi per la pubblicazione, a carico dell’autore.

L’impegno dell’Ateneo attualmente è nel perseguire la “green road“, allo scopo di disseminare i contributi scientifici dei propri ricercatori, rendendoli accessibili al di fuori dei circuiti editoriali commerciali, compatibilmente con il rispetto delle norme sui diritti di autore, consentendo altresì al proprio archivio istituzionale di entrare in rete con gli archivi istituzionali di tutte le altre università predisposti all’Accesso aperto. A tale scopo l’Ateneo si è dotato di una propria Policy Open Access.

I vantaggi dell’Open Access

  • Favorire una maggiore visibilità della ricerca svolta da docenti e ricercatori dell’Ateneo attraverso la disseminazione del proprio lavoro in rete;
  • Accorciare i tempi di diffusione della produzione scientifica: i risultati delle ricerca sono subito disponibili attraverso l’auto-archiviazione e si vedono prima (non si devono attendere i tempi di stampa);
  • Accrescere il numero di citazioni  perché gli archivi istituzionali aperti vengono indicizzati dai più importanti motori di ricerca internazionali.

Giornate formative in Unibs

Tutte le ricerche sulla salute finanziate dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) potranno essere lette liberamente online, ha annunciato l'agenzia. L'annuncio ...
Leggi Tutto
Nonostante i benefici dell’Open Science siano oramai noti, sia per i ricercatori che per la società in generale, i progressi verso ...
Leggi Tutto
Il 7 giugno 2019, il Ministero della Scienza, della Tecnologia e dell'Innovazione produttiva (MINCyT) dell'Argentina ha ospitato l'11° Comitato direttivo ...
Leggi Tutto
Il Piano S, volto ad accellerare la transizione ad un pieno ed immediato open access alle pubblicazioni scientifiche, verrà ritardato di un anno ...
Leggi Tutto
Il 2019 potrebbe essere un anno spartiacque per incrementare l'impegno per giungere all'open access nella ricerca scientifica, secondo Robert-Jan Smits, ...
Leggi Tutto