Il Centro interuniversitario Modelli integrati di studio per la tutela della Salute e la Prevenzione negli ambienti di Vita e di Lavoro – MISTRAL ha sede amministrativa presso il Dipartimento di Scienze Cliniche e Sperimentali, ma partecipano alle attività del Centro anche docenti e ricercatori facenti attualmente capo ai seguenti dipartimenti dell’Università degli Studi di Brescia:  Dipartimento di Specialità Medico-Chirurgiche, Scienze Radiologiche e Sanità Pubblica, Dipartimento di Medicina Molecolare e Traslazionale, Dipartimento di Ingegneria Civile, Architettura, Territorio, Ambiente e di Matematica, Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale, Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione.

L’attività del Centro è sviluppata secondo i criteri dell’interdisciplinarietà e ha, quale principale finalità scientifica, lo sviluppo di approcci, che, su rigorose basi metodologie e tecnico-scientifiche, portino alla promozione, sostegno e diffusione di studi e di ricerche volti al miglioramento dell’interazione tra l’uomo, la sua attività lavorativa ed il suo ambiente di vita, con particolare riferimento al territorio in cui l’Università di Brescia opera. Il Centro intende, in particolare, essere punto d’incontro per l’attuazione di una ricerca integrata e multidisciplinare, che abbia lo scopo fondamentale di contribuire all’avanzamento delle conoscenze riguardanti la corretta valutazione, stima e gestione dei rischi fisici, chimici, biologici, ergonomici, psicosociali per la popolazione generale e lavorativa.

A tal fine, obiettivi prioritari saranno:

  1. l’avanzamento delle conoscenze relative agli effetti biologici (anche precoci) indotti dai vari fattori di rischio cui la popolazione generale e lavorativa è esposta, al fine di poterne stimare l’eventuale danno per la salute e poter instaurare efficaci strategie di prevenzione primaria, secondaria e terziaria e per la promozione della salute;
  2. la messa a punto e standardizzazione di metodiche efficaci ed innovative per il corretto monitoraggio degli ambienti di vita e di lavoro e per la sorveglianza sanitaria dei soggetti esposti a rischio;
  3. lo sviluppo di strumenti tecnologici avanzati (ad esempio, progettuali, impiantistici, etc.), finalizzati a ridurre i rischi nelle popolazioni generale e  lavorativa;
  4. il migliore adeguamento degli strumenti normativi (nazionali e sovranazionali), volti ad una più efficace ed accurata sorveglianza dei rischi  nelle popolazioni generale e lavorativa.

Nell’ambito delle attività del Centro, per un miglioramento dell’interazione uomo-, impresa- ed ambiente, in una visione integrata e multidisciplinare, sarà favorito lo sviluppo di prodotti avanzati, quali:

  • metodologie tecnico-scientifiche innovative nel campo dello studio della fisiopatogenesi del danno biologico da vari fattori di rischio, utili a poter fornire indicatori affidabili del rischio sanitario conseguente all’esposizione umana;
  • strumenti e metodi per l’attuazione di programmi efficaci di monitoraggio del rischio e di sorveglianza sanitaria degli esposti;
  • strategie (sanitarie, progettuali ed impiantistiche, normative) per la prevenzione, il controllo e la riduzione del rischio;
  • brevetti – copyright – spin off.

I risultati saranno spendibili, in particolare, per individuo, impresa, società, università, professionisti della salute, loro associazioni.

Referente: Prof.ssa Giovanna Mazzoleni