Infrastrutture e servizi per la Mobilità Sostenibile e Resiliente – MoSoRe@Unibs

 

 

Infrastrutture e servizi per la Mobilità Sostenibile e Resiliente – MoSoRe@Unibs
Ruolo: Capofila

Altri partner:

  • FASTERNET SOLUZIONI DI NETWORKING S.R.L.
  • INGENERA S.R.L.
  • GENEGIS GI S.R.L.
  • IMBAL CARTON S.R.L.
  • STMICROELECTRONICS S.R.L.
  • ENEA – AGENZIA NAZIONALE PER LE NUOVE TECNOLOGIE E LO SVILUPPO ECONOMICO SOSTENIBILE
  • ITALCEMENTI FABBRICHE RIUNITE CEMENTO S.P.A.


Responsabile Scientifico per UNIBS: Prof. Giovanni Plizzari – DICATAM
Costo totale UNIBS: € 2.297.243,45

Contributo Regione Lombardia per UNIBS : € 918.897,38

 

Importo totale del progetto :  10.943.963,97 €


Bando: Call Hub

Descrizione del progetto:

MoSoRe@Unibs vuole investigare la resilienza dei sistemi e delle infrastrutture per la mobilità, proponendo soluzioni legate alle infrastrutture stradali, alle infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici, alle infrastrutture ICT e un nuovo vettore che permettano all’utente di spostarsi in sicurezza, tranquillità e nei tempi attesi, anche in presenza di eventi o di situazioni di emergenza.

MoSoRe@Unibs si declina in 6 azioni coordinate tra loro e articolate in attività di Ricerca Industriale e di Sviluppo Sperimentale.

 

Si sperimenterà come attraverso piattaforme ICT sia possibile avere: infrastrutture stradali più sicure, infrastrutture di ricarica collaborative e a basso impatto sulla rete, enti preposti in grado di gestire al meglio la viabilità e il trasporto farmaci e AED in situazioni di emergenza, utenti che possano scegliere percorsi sulla base delle proprie esigenze (riduzione dei tempi di spostamento, esigenze di ricarica, scopi terapeutici o turistici). Gli attuali sistemi di monitoraggio dei ponti non permettono di intervenire sulle strutture prima del collasso, pertanto si individueranno sensori che indicheranno quando intervenire per la riqualificazione delle strutture utilizzando materiali innovativi.

Il progetto affronta l’ampliamento del modello di ‘smart street’, tipicamente finalizzata al controllo adattivo dell’illuminazione pubblica, agli aspetti di sicurezza attraverso sistemi multisensoriali integrati innovativi. MoSoRe estende al bike-sharing (progetto e-Bicimia-Brescia), agli scooter e alle carrozzine per disabili le linee guida di Regione Lombardia sulle infrastrutture di ricarica, includendo veicoli innovativi come i droni da trasporto. Il progetto Fastned ha sperimentato la ricarica parziale (per ridurre i tempi, o per ridurre l’impatto sulla rete), e la ricarica quantificata sulla base del percorso da effettuare (km). MoSoRe estende questo approccio, personalizzando la conversione kWh/km, sulla base della profilazione del veicolo, dello stile di guida dell’utente e del suo “range anxiety”. Le stazioni di ricarica smart che saranno realizzate, installate e validate anche rispetto a servizi di car-sharing, saranno alimentate da fonti energetiche rinnovabili (affiancate da sistemi di accumulo) e non (GPL/Metano), limitando l’interazione con la rete. Una piattaforma informativa per l’utente, che lo consigli sul percorso sulla base di preferenze profilate o impostabili al momento (tempo di percorrenza, disponibilità/costo di ricariche, esigenze di riabilitazione o di fitness, turismo, traffico, disponibilità di piste ciclabili) verrà affiancata ai sistemi di ricarica. Per quanto riguarda l’innovazione di prodotto, sarà realizzato e sperimentato per trasporto verso rifugi CAI di strumenti (es. AED), plasma o organi, un drone in categoria 25kg (trasporto di 5 kg, 150km/h autonomia 100km).

 

Torna su