Open Access: l’ERC promuove i principi alla base del Plan S ma non è più sostenitore dell’iniziativa

Open access

L’organo governativo del Consiglio europeo della ricerca (CER) ha annunciato il ritiro del sostegno all’iniziativa Plan S, che ha l’obiettivo di favorire l’adesione al modello Open Access delle pubblicazioni accademiche.

Il Plan S, il cui lancio è previsto per il prossimo anno 2021, mira a consentire la lettura e la riproduzione libera di documenti scientifici non appena pubblicati.

Tra gli enti finanziatori della ricerca che vi hanno aderito vi sono l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il Wellcome Trust, la Bill & Melinda Gates Foundation e 17 agenzie di finanziamento nazionali, per lo più europee. Anche la Commissione europea ha dichiarato che seguirà il piano. È stato l’ex direttore generale dell’UE per la ricerca Robert-Jan Smits, ora presidente della Eindhoven University of Technology, ad avviare l’iniziativa nel 2018 e a guidarne le fasi iniziali.

Il consiglio scientifico dell’ERC, composto da 19 membri, afferma che continuerà a sostenere i principi che si trovano alla base del Plan S e che la sua decisione di eliminare il sostegno all’iniziativa si basa sulla necessità di “prestare maggiore attenzione” ad alcuni aspetti del piano la cui importanza è stata piuttosto sottovalutata. Tra questi spiccano le esigenze dei ricercatori, in particolare dei giovani ricercatori che rappresentano il futuro della scienza e dell’innovazione europea.

https://erc.europa.eu/news/erc-scientific-council-calls-open-access-plans-respect-researchers-needs

(Fonte: FIRST)