LIFE 2021-207: il futuro del nuovo programma

life

La Commissione europea ha pubblicato alcune anticipazioni sul nuovo programma LIFE (https://ec.europa.eu/easme/en/news/future-bright-future-life).

In particolare, nella programmazione 2021-2027 il nuovo programma aumenterà i propri fondi di quasi il 60% e si articolerà in quattro nuovi sottoprogrammi

Il programma LIFE per l’ambiente e l’azione per il clima promuoverà un’Europa più verde e più resiliente per tutti, sostenendo gli obiettivi del Green Deal europeo, la Strategia dell’UE per la biodiversità per il 2030, il Piano d’azione per l’economia circolare e la strategia Renovation Wave.

Il programma contribuirà anche alla ripresa verde dalla pandemia COVID-19. 

Per il prossimo periodo il programma LIFE sarà suddiviso nei seguenti sottoprogrammi: 

  • Natura e biodiversità: verranno finanziati progetti per aiutare a proteggere la natura e nuovi “progetti strategici sulla natura”, contribuendo così allo sviluppo sostenibile e all’integrazione della biodiversità in altri settori come l’agricoltura e lo sviluppo rurale.
  • Mitigazione del cambiamento climatico e adattamento: questo sottoprogramma contribuisce al passaggio verso un’economia sostenibile, efficiente dal punto di vista energetico, basata sulle energie rinnovabili, neutrale dal punto di vista climatico e resiliente. 
  • Economia circolare e qualità della vita: i progetti svilupperanno tecnologie e soluzioni per migliorare l’economia circolare, compresi il recupero di risorse a partire dai rifiuti, gestione dell’acqua, dell’aria, del rumore, del suolo e delle sostanze chimiche, così come la governance ambientale. Inoltre, questo sottoprogramma mira a proteggere, ripristinare e migliorare la qualità dell’ambiente e continuerà ad attuare, monitorare e valutare la politica e la legge ambientale dell’UE attraverso i progetti strategici integrati. 
  • Transizione all’energia pulita: questo sottoprogramma finanzierà i progetti dedicati all’efficienza energetica e alle energie rinnovabili su piccola scala, neutrali dal punto di vista climatico e resilienti, per una transizione socioeconomica verso l’energia sostenibile.

I dettagli del prossimo regolamento LIFE, il programma di lavoro pluriennale e i relativi inviti a presentare proposte sono ancora in fase di discussione

FONTE (First)