Horizon 2020: i dati sulla partecipazione europea

horizon-2020-2

A dicembre 2020 si è ufficialmente chiuso il programma di ricerca dell’Unione Europea Horizon 2020, avviato nel 2014. Anche se diversi progetti finanziati devono ancora concludersi, sono già disponibili alcuni dati relativi alla partecipazione dei paesi europei al programma.

Negli ultimi 7 anni, più di 150.000 partecipanti – tra istituti di ricerca, aziende e singoli scienziati – hanno ricevuto complessivamente quasi 60 miliardi di euro di finanziamenti per la ricerca. I progetti completati entro dicembre 2020 hanno prodotto quasi 100.000 pubblicazioni e circa 2.500 domande di brevetto e marchi.

Ci sono state notevoli differenze tra gli stati nella distribuzione delle risorse destinate alla ricerca. Tra queste, le tre maggiori economie dell’UE hanno ottenuto quasi il 40% dei fondi: i ricercatori in Germania, Francia e Regno Unito hanno ricevuto un totale complessivo di oltre 22 miliardi di euroSvezia, Danimarca e Finlandia, che insieme rappresentano poco più del 4% della popolazione totale dell’UE, hanno ottenuto complessivamente più di 4,8 miliardi di euro di finanziamenti, circa l’8% del totale.

Nonostante gli sforzi per rafforzare la ricerca nell’ex Europa orientale comunista, nel panorama della ricerca europea persiste un netto divario est-ovest. Gli scienziati e gli istituti di ricerca in Polonia, Slovacchia, Bulgaria e Romania sono stati tra i partecipanti di minor successo a Horizon 2020, con un totale complessivo di poco più di 1 miliardo di euro.

FONR (First)